Preventivi

L’entrata in vigore della Legge 248 del 4 agosto 2006 (Decreto Bersani) non sancisce (art. 2) l’abolizione dei Tariffari Professionali, bensì dell’obbligo della loro applicazione: le tariffe professionali non sono state dunque abrogate, bensì ne è stata resa facoltativa l’applicazione.

Per il professionista, dunque, il termine unico e legittimo di riferimento per valutare l’adeguatezza del compenso in relazione all’importanza dell’opera e al decoro della professione, anche secondo i criteri posti dall’Art. 2233 del c.c., continua ad essere il tariffario professionale. Ma il geologo può sì concordare anche un compenso inferiore al minimo tariffario, purchè esso non risulti in contrasto con l’articolo di cui sopra in quanto irrisorio, non adeguato all’impegno e pertanto lesivo della dignità della professione.

Ma in cosa consiste il decoro del professionista? Consiste nella compostezza ed esaustività della presentazione professionale, nella capacità di assunzione di responsabilità, nella disponibilità di efficace corredo tecnico-professionale e di utilizzo di aggiornati strumenti di ordine telematico, nella cura e sollecitudine degli interventi, nella disponibilità per l’aggiornamento continuo, nella capacità di interloquire prontamente ed efficacemente con la committenza e con enti ed istituzioni private e pubbliche etc…

A questo punto è d’uopo una riflessione: lo Studio di Geologia ritiene che al di là dei singoli casi, il buon Geologo non solo sappia e possa, ma debba distinguersi per qualità e professionalità a cominciare dall’analisi preliminare, la più dettagliata possibile, dell’oggetto di studio ancor prima di effettuare un preventivo adeguato. Solo dopo tale analisi sarà possibile la scelta delle indagini da effettuare per poter quantificare il preventivo.

Piace il paragone del geologo col medico, il quale prima di visitare il paziente (il sopralluogo del geologo) ne effettua l’anamnesi (l’analisi preliminare), gli prescrive successivamente gli esami (le indagini) ed infine analizzati i risultati prescrive la cura (relazione con soluzioni). Questo semplice parallelo è importante per far comprendere l’indispensabilità delle indagini nel lavoro del geologo. Chi vorrebbe farsi curare dal medico per telefono senza fare esame alcuno? O quale medico si prenderebbe la responsabilità di non prescriverne?

La pratica e l’esperienza professionale insegnano che una buona ed approfondita analisi è sempre più conveniente di un lavoro sbrigativo e superficiale (e quindi apparentemente più economico), di cui bisogna sempre diffidare e che per definizione possiede una pessima qualità. A lungo termine la qualità paga, fa cioè risparmiare il cliente che non dovrà più ricorrere (come sempre più spesso ormai accade) ad interventi volti a risolvere problematiche sorte successivamente e non riconosciute in precedenza.

Il cliente dunque saprà scegliere il geologo non in base al suo preventivo, che sempre rappresenta un’aliquota minima delle spese complessive da sostenere, bensì in base alla sua professionalità e quindi ai suoi successi.

Ecco perchè lo Studio di Geologia risponderà immediatamente alle pervenute richieste di preventivi riguardo ad uno o più servizi offerti con immediata disponibilità nel fissare un incontro con la committenza ed un’analisi dell’oggetto di lavoro. Solo al termine di questa fase, che non rappresenterà alcuna spesa, sarà proposto il preventivo richiesto. Certo di poter offrire un servizio professionale di qualità, valido ed adeguato, si invita il cliente a non esitare a contattare lo Studio di Geologia ai relativi recapiti.